NOTIZIE - COMMENTI - FATTI - PENSIERI - CURIOSITA'...E...UN PO' DI ANDREA...

MONTI PRENDE ORDINI:IL 13 NOVEMBRE SI E' RIUNITO A ROMA IL FAMIGERATO GRUPPO BILDERBERG

















Il 13 novembre nella capitale italiana si è tenuta una riunione d'urgenza del famigerato GRUPPO BILDERBERG.

QUESTA LA LISTA DEI PARTECIPANTI ITALIANI E STRANIERI.

Alle 19.45 è stato visto entrare Ignazio Visco, governatore della Banca Centrale; un quarto d’ora dopo il ministro del Lavoro Elsa Fornero, seguito dal presidente del Consiglio Mario Monti, avvistato intorno alle 20.30. Tra i ministri del governo tecnico erano presenti anche Corrado Passera (delega allo Sviluppo Economico) e Francesco Profumo titolare del dicastero all’Istruzione
Tra gli altri invitati Mauro Moretti, ex sindacalista della Cgil; Angelo Cardani, presidente di Agcom; Fulvio Conti dell’Enel; Anna Maria Tarantola presidente della Rai; Federico Ghizzoni, amministratore delegato di Unicredit; Paolo Scaroni, amministratore delegato di Eni; Franco Barnabè di Telecom Italia, Alberto Nagel ad di Mediobanca, Enrico Cucchiani di Mediaintesa e Rodolfo de Benedetti del Gruppo Cir.
Dall’estero sono invece arrivati Tom Enders, Ceo della Eads, Marcus Agius di Barclays, il canadese Edmund Clark boss della Td Bank, Kenneth Jacobs numero uno di Lazard e l'americano capo dell'Alcoa Klaus Kleinfeld.
C’erano anche il francese Henri Castries presidente del gruppo Axa, il tedesco Josef Ackermann presidente del consiglio di amministrazione del Gruppo Executive Committee Deutsche Bank, lo statunitense Keith Alexander comandante dell’Us Cyber Command e direttore dell’Agenzia di Sicurezza Nazionale, lo spagnolo Joaquin Almunia vicepresidente Commissario per la concorrenza Commissione Europea, lo statunitense Roger Altman presidente della Evercore Partners, il portoghese Luis Amado presidente del Banco Internacional do Funchal, il norvegese Johan Andresent proprietario e amministratore delegato della Ferd, il finlandese Matti Apunen direttore Finnish Businness and Policy Forum Eva, il turco Ali Babacan vice primo ministro per gli affari economici e finanziari, il portoghese Francisco Pinto Balsemao presidente e Ceo di Impresa ed ex primo ministro, il francese Nicolas Baverez Partener della Gibson Dunn & Crutcher LLP, il francese Christophe Béchu senatore e presidente del Consiglio Generale del Maine et Loire, e il turco Enis Berberoglu editore del quotidiano Hurriyet.
Tutti i nomi presenti sono personaggi abitualmente chiamati a partecipare agli incontri del Bilderberg anche quando si tengono in altre nazioni. A questi se ne aggiungono altri che restano segreti nonostante gli insiders provino in tutti i modi a stanarli.

I TEMI DELLA DISCUSSIONE
Di cosa si è discusso in questo vertice mondiale di governanti e banchieri di tutte le specie? Dell’andamento economico del globo, questo è certo nonostante non arrivino conferme ufficiali. E tenendosi in Italia, nel vertice si sarà discusso molto probabilmente di eurozona e degli andamenti economici di nazioni che non ce la fanno a stare al passo con la tabella di marcia imposta dai mercati.
Indiscrezioni raccontano però che, oltre a euro-questioni, durante l’incontro siano state affrontate anche tematiche legate alla politica italiana.
E infatti la domanda che si pongono gli italiani è che cosa ci facesse il premier Mario Monti a questo incontro insieme alla sua squadra di governo, praticamente al completo salvo rare eccezioni. Monti è un habitué del Bilderberg, tanto è vero che in passato ha già preso parte ad altri incontri insieme a Paolo Scaroni di Eni e Franco Barnabè di Telecom Italia.
Da fonti interne a Palazzo Chigi arrivano però soltanto dei rumours: Mario Monti avrebbe presentato una relazione su come far uscire l’Italia dalla crisi economica in cui è sprofondata. Manovre finalizzate a perseguire gli scopi dei vertici più alti delle banche mondiali, che coincidono però con le tanto agognate misure di impoverimento del Paese Italia messe in campo negli ultimi dodici mesi. Sempre secondo indiscrezioni emerge che si è parlato anche di un eventuale commissariamento dell’economia dei paesi più deboli della zona euro tra i quali oltre alla Grecia e alla Spagna guarda caso figura proprio l’Italia.
Perché mai l’incontro è stato previsto proprio a Roma e come mai alcuni ministri del Governo sono stati invitati alla mensa del Re? Probabilmente – e siamo nel campo delle ipotesi, perché di conferme ufficiali non ne arriveranno mai - i potenti del mondo hanno chiesto garanzie politiche ed economiche proprio ai banchieri di casa nostra, sempre disponibili e asserviti nei confronti delle lobby mondiali.

LE CONSEGUENZE PER L’ITALIA: ACCELERATA SUL MONTI BIS
Gli osservatori più attenti ritengono che si sia chiesto all’Italia di rispettare i patti e garantire, quindi, con il risanamento del debito pubblico attraverso la tassazione ai cittadini, la stabilità economica che le banche pretengono. Non per nulla la maggior parte degli appartenenti al Bilderberg rappresentano i più potenti istituti di credito del mondo. Tutto questo però potrebbe portare al disastro per l’Italia.
Una tesi portata avanti anche dal giornalista russo Daniel Estulin, specialista delle influenze del Bilderberg sull’economia mondiale, che parlando di Mario Monti, ha svelato il piano per la distruzione dell’Italia, risultante dal rispetto dei patti con il Bilderberg.
Qualunque governo che cercherà di ripagare questo debito distruggerà il proprio paese, tutto quello che finora si è fatto è stato obbligare i cittadini a pagare il debito pubblico gonfiato dagli interessi usurai della finanza internazionale e aggravato nell’eurozona, dall’impossibilità di ricorrere, a costo zero, all’ossigeno della moneta sovrana. Dal momento che non possiamo pagare e non può farlo nemmeno il governo, allora ci si rivolge alle istituzioni finanziarie internazionali. Chiunque tenta di farlo distruggerà il proprio paese”.
Con molta probabilità a Mario Monti è stato chiesto di impegnarsi ancora personalmente nella politica italiana per permettere che il sistema bancario continui ad avere la meglio sulla nostra economia. E questo, con qualsiasi altro premier, non sarebbe stato possibile come con il Professore.

IL DOPO BILDERBERG E LE DICHIARAZIONI IN KUWAIT
Solo in questa chiave è possibile spiegare le dichiarazioni che lo stesso Mario Monti ha rilasciato nella sua recente visita in Kuwait dove ai petrolieri asiatici si è presentato come l’unico in grado di poter fornire garanzie in vista di futuri investimenti in Italia.
"Non posso garantire per il futuro – questo ha dichiarato Mario Monti a chi gli chiede se abbia fornito in Kuwait garanzie sull'affidabilità dell'Italia dopo il suo mandato - chi governerà deve avere come obiettivo quello di continuare a garantire crescita, giustizia, lotta a corruzione e evasione. Le valutazioni sono ai minimi e servono capitali per la crescita. Abbiamo illustrato a potenziali investitori che è il momento in cui i titoli a reddito fisso e le valutazione delle imprese in Italia sono bassi”. Tradotto: venite a comprare che vendiamo a prezzi stracciati.
Dopo la riunione del Bildeberg lo stesso Monti ha assicurato però che “i conti pubblici stanno avviando un percorso di risanamento e le riforme sono sulla strada giusta: questo permetterà ai paesi euro, nel loro insieme e individualmente, di diventare più solidi e stabili".
Il premier ha anche ricordato che l'Italia ha adottato tutti gli strumenti necessari per rendere il paese più attraente agli investitori del Golfo.
Appena il mio governo si è insediato – ha anche sostenuto - abbiamo avviato una politica di risanamento dei conti basata su rigore ed equità, che ci permetterà di raggiungere nel 2013 il pareggio di bilancio”. Lo ha fatto citando anche le riforme strutturali adottate dal suo governo: quella del sistema pensionistico che rende sostenibile il sistema previdenziale per i conti pubblici, la riforma del mercato del lavoro e tutta una serie di provvedimenti per aumentare la concorrenza e favorire la liberalizzazione dei servizi e delle professioni. Provvedimenti inutili e sciocchi appartenenti ad altri scopi.
E' la conferma che esiste un piano internazionale massonico che se ne frega completamente della sofferenza del popolo che si è visto impoverito fino alla disperazione,che ha reagito in molti casi con gesti estremi e che ha portato infelicità,innalzamento dei crimini,e tutto quanto oramai ben sappiamo. Arricchendo in modo smodato le banche addirittura con dirette elargizioni come nel caso Monte dei Paschi con quattro miliardi di euro. Una follia da fermare al più presto. Il debito pubblico,per chi non lo avesse ancora capito,è stato ed è un pretesto per manovrare in altri piani,prova ne è che è sceso di un nonnulla.

Andrea Notari


-

Tutti i diritti d'autore riservati secondo le vigenti leggi.


-

MESSAGGIO AI SOPRAVVISSUTI AL 21 12














Non credo che nulla di particolare accadrà il 21/12 se non il proseguio di una nuova era terrestre già iniziata da qualche tempo,ma per la serie "non si sà mai" desidero lasciare ai posteri un messaggio. Sono valutazioni personali di chi ha vissuto una vita particolare,forse come tanti,forse come pochi,non spetta allo scrivente giudicare.
Nei tempi precedenti per produrre energia si è sfruttata la nostra madre terra,riscrivo sfruttata cosi' che ben si comprenda la parola,a mio avviso un grande,grandissimo errore,visto che da tempo,da molto tempo saremmo stati in grado di utilizzare senza sfruttamento negativo energia disponibile fornita dal sole,dal vento,dal moto del mare,dalle differenze di pressione nell'aria e altro,molto altro,pensato e progettato da menti alle quali si sarebbe dovuto fornire grande rispetto ma che gli stati hanno in un modo o nell'altro messo a tacere. Lo sfruttamento della terra avrebbe mantenuto,sempre secondo i guru di questi stati,un equilibrio politico stabile. Le guerre sanguinarie in sucessione che hanno provocato milioni di morti e feriti specie nella parte di popolazione più debole:donne,bambini e anziani hanno dimostrato il contrario.
Il denaro. Qui dovrei aprire un lungo capitolo,ma visto,cari sopravvissuti,che avrete di certo il vostro bel da fare sarò breve. Il denaro non dovrebbe essere mai frutto di numeri gettati a caso,a convenienza o creati dal nulla ma prodotto a riferimento quantitativo di materiale tangibile. Un tempo c'era l'oro,si potrebbe allargare la cosa a altri metalli diventati preziosi,se ancora lo saranno dopo il 21 12,come il selenio,lasciando l'argento e unendo al tutto i diamanti,ma mai e poi mai creato dal nulla. 
La guerra è un aberrazione dell'uomo ignorante che non sà o non vuole sapere che uccidendo il prossimo uccide anche se stesso, ignorando altresi' che ognuno di noi è parte del tutto e agendo senza pensare all'inesorabile dopo.
La caccia per sport,l'uccidere,ferire,provocare sofferenza in altre creature che come noi hanno un anima e sono parte esattamente come l'uomo del tutto è un altra aberrzione che non dovrebbe esistere,che deve fare vergognare chi la pratica,per la sua intrinseca insensatezza,per la violenza verso creature che hanno esattamente i nostri stessi diritti:ne più,ne meno.
Il rispetto per coloro che sono storia,saggezza,aiuto,consolazione ovvero gli anziani deve essere diverso,deve essere massimo,deve essere partecipativo alla vita di ogni giorno.
E da ultimo voglio scrivervi cosa è per me la vita,o cosa dovrebbe essere: evolvenza e felicità. Evolvere,per arricchire la nostra anima,noi stessi,nel magico proseguio infinito della vita nei diversi stadi,e felicità,quella vera,non ricercata con sostanze,quella che ti fa sentire frizzante e partecipe,che ti unisce agli altri,che ti fa alzare ogni mattina con il sorriso.
Andrea


-

Elenco per gli altri post o clicca in alto a destra su post più vecchi per girare pagina --->

Questo blog e' un prodotto amatoriale e non editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001. Quanto pubblicato non è a scopo di lucro.